8 consigli per sviluppare il tuo stile inconfondibile

I grandi, tutti i grandi chitarristi che hanno suonato i brani e gli assoli più memorabili di sempre, sono dotati di due cose che li rendono unici ed assolutamente inconfondibili: il sound e lo stile.

Eh sì, perché tra tutti i grandissimi Guitar Hero, del presente e del passato, che hanno lasciato un segno tangibile nella storia della musica mondiale, non ne troverai mai uno che sia stato uguale ad un altro, che abbia cercato di assomigliare o, in qualche modo, di “copiare” lo stile che già apparteneva a qualcun altro.

Ognuno di questi ha cercato, riuscendoci, di dare un tocco personale alla propria idea di chitarra, di sviluppare un proprio senso estetico e musicale che risultasse vincente. A tal proposito, noi di impararelachitarra.com avevamo stilato un lista con 20 tra i migliori chitarristi di sempre, se vuoi darci un occhio e suggerirci quale per te e’ stato uin grande chitarrista fai pure.

Lo stile però, dicevamo: importante se vuoi diventare un ottimo chitarrista, addirittura fondamentale se pensi di avere tutte le carte in regola per poter lasciare il tuo inconfondibile segno nella musica.

Per questo, abbiamo pensato per te questa guida, in cui vogliamo darti 8 consigli per sviluppare uno stile che sia solo tuo e assolutamente originale: arriva a leggere fino in fondo e sarai pronto anche tu per cominciare a scrivere un pezzo di storia musicale!

1. ASCOLTARE MOLTEPLICI CHITARRISTI DIVERSI

Un errore che molti commettono spesso è quello di prendere come punto di riferimento solo e soltanto un chitarrista: si appassionano enormemente a lui, riescono a riprodurre esattamente il suo suono, e lentamente si trasformano nella sua perfetta copia.

Questo, a nostro avviso, è un grandissimo sbaglio, se vuoi riuscire a costruire un tuo stile originale.

Il primo consiglio utile, dunque, per cominciare a sviluppare uno stile che possa essere riconoscibile e solamente tuo, è quello di lasciarti influenzare da più chitarristi possibili.

Ascoltane quanti più puoi, di epoche e tradizioni musicali differenti, studia bene la loro storia e quella che è la loro filosofia musicale. Ascolta e leggi tante interviste, appassionati anche della loro vita, per cercare di capire a fondo come e perché abbiano sviluppato quella particolare maniera di suonare: lo stile di un chitarrista, spesso, rispecchia anche quello che è stato il suo modo di intendere la vita.

2. ASCOLTARE TANTI GENERI DIFFERENTI

L’apertura mentale e musicale, specie in quest’epoca in cui abbiamo tutto a portata di smartphone e di clic, è qualcosa di assolutamente indispensabile.

Si potrebbe stare ore a disquisire sul fatto che questo sia o meno un vantaggio, ma il dato di fatto è che oggi è davvero facilissimo riuscire ad ascoltare qualsiasi tipo di musica.

Per questa ragione, un altro buon consiglio che ci sentiamo di darti, è quello di ascoltare quanta più musica differente possibile.

L’originalità dello stile, infatti, è spesso la conseguenza di una miscela di più generi differenti, di più contaminazioni musicali, che nella testa del chitarrista si fondono insieme, fino a formare qualcosa di nuovo e di mai ascoltato.

Ci sono tanti esempi, nella storia della musica, che sono la dimostrazione tangibile di questo, basti pensare a un chitarrista eccezionale come Carlos Santana, che ha fatto nascere il suo inconfondibile stile proprio dall’unione di più generi, come il blues, la fusion, il rock e la salsa.

3. SUONARE AD ORECCHIO

Un altro ottimo modo per arrivare a sviluppare un modo proprio di intendere la chitarra, è quello di non fare troppo affidamento a tab, spartiti e libri di accordi vari, ma di lasciarsi guidare dal nostro orecchio musicale.

Certo, all’alba degli anni ’20 del 2000 è davvero difficile resistere alla tentazione di dare una sbirciatina sul web, soprattutto considerando l’immane quantità di materiale a disposizione.

Ci viene da pensare, però, che i grandi chitarristi del passato, quelli che hanno scritto e segnato intere pagine della storia della musica, abbiano raggiunto certi livelli anche perché privi di queste “scorciatoie”.

Un tempo internet, YouTube, gli smartphone, ovviamente, non esistevano: c’erano invece i dischi, le puntine dei giradischi da riposizionare per ascoltare una, due, cento, mille volte uno stesso passaggio e, cercando poi di riprodurlo sulla chitarra quanto più fedelmente possibile.

Ecco, quindi, un altro consiglio: rispolverare il caro, vecchio orecchio musicale e metterlo a servizio del tuo strumento. Sarà anche questo un modo per crescere musicalmente e per sviluppare un tuo, inconfondibile, stile.

4. STRIMPELLARE ANCHE ALTRI STRUMENTI

Abbiamo battuto più volte il tasto, finora, della contaminazione musicale, che può arrivare dall’ascolto di altri generi musicali, di tantissimi chitarristi differenti, ma anche dalla capacità di riuscire a mettere le mani su più di uno strumento musicale.

Già, ma perché questo dovrebbe servirti per costruire uno stile? Bé, intanto partiamo dicendo che ci sono un sacco di chitarristi che sono anche polistrumentisti e che riescono a suonare anche due o tre strumenti a livelli eccelsi.

Ovviamente, nessuno pretende che diventi anche un super tastierista o un incredibile sassofonista, però essere in grado, un minimo, di mettere le mani anche su strumenti dalle caratteristiche molto diverse tra loro, come possono essere un pianoforte e uno strumento a fiato, ti darà sicuramente una prospettiva musicale molto più ampia e una capacità di riuscire a guardare anche al mondo chitarristico con occhi nuovi e più aperti alle novità e ai differenti modi di suonare.

5. CONFRONTARSI CON CHITARRISTI PIU’ ESPERTI

Esattamente come nello sport si impara e si migliora solo confrontandosi con quelli più forti di te, anche nella musica e, nella fattispecie nella chitarra, la creazione di un tuo stile non può assolutamente non passare dal confronto diretto con i chitarristi più esperti.

Attenzione, non ci stiamo riferendo, in questo caso, ad una semplice occhiata ad un video su YouTube o a qualche Dvd, ma proprio alla possibilità di avere un confronto live con qualche insegnante o, nel caso di quelli più fortunati, con qualche chitarrista che abbia già avuto esperienze professionali importanti.

Solo osservando e, soprattutto, cercando di carpire tutti i consigli, tecnici e musicali, che potranno darti, sarai poi in grado successivamente di rielaborare tutto quanto in una tua chiave personale e, piano piano, dare il via a un percorso che ti porterà ad avere uno stile unico e solamente tuo.

6. SPERIMENTAZIONE, MOBILITA’, CURIOSITA’, CREATIVITA’

Sperimentazione, mobilità, curiosità, creatività: tutte parole che vanno a braccetto con l’idea di uno stile proprio, orginale e inconfondibile.

La continua sperimentazione di cose nuove, di nuovi stimoli creativi, di nuove tecniche chitarristiche sono elementi indispensabili perché il tuo stile prenda effettivamente forma e si trasformi sempre costantemente in qualcosa di nuovo.

Dalla sperimentazione, si passa alla mobilità, ovvero alla capacità di riuscire ad essere sempre in movimento “virtuale” e sempre attivo, per seguire attentamente il mutamento del mondo chitarristico: quali sono le novità, dal punto di vista degli accessori, delle tecniche, degli strumenti di nuova generazione che possono portare importanti cambiamenti nel tuo modo di intendere lo strumento.

E poi la curiosità di sapere sempre in anticipo tutto quello che ti circonda, per andare poi a riprodurlo sulla tua chitarra e farlo naturalmente a modo tuo dando, proprio come un bravo chef, un tocco personale di creatività a quanto si è appena appreso e scoperto.

7. ESSERE CHITARRISTI COMPLETI

Cosa si intende per “chitarrista completo”? Di chi stiamo parlando?

Il chitarrista che, in un certo senso, si può definire completo è quello che riesce a suonare e ad “abbracciare” più tipologie di generi e chitarre differenti.

Ognuno di noi ha un tipo di chitarra con cui si trova maggiormente a suo agio: quelli che amano follemente le sonorità dell’acustica, chi predilige il suono diretto di una classica e ancora gli amanti di un sound più “sporco “ rock, con l’elettrica.

La cosa importante però, per fare in modo di creare uno stile che possa essere davvero vincente e originale, è quella di riuscire a destreggiarsi attraverso tutti i tipi di chitarre: riuscire a fare un bell’arpeggio sulla chitarra classica, avere una buona capacità di strumming sull’acustica e una bella manualità per gli assoli sull’elettrica.

Anche in questo caso, ritorna il leit motiv che abbiamo voluto dare a questo articolo, ovvero quello della contaminazione, assolutamente indispensabile per raggiungere l’ambizioso obiettivo che ci siamo prefissati.

8. ESSERE IN CONTINUA EVOLUZIONE

Essendo la maniera di suonare di ogni chitarrista sempre in continua evoluzione, è davvero importante non accontentarsi mai di quello che si è ottenuto.

Come stiamo suonando oggi, non sarà il modo in cui suoneremo nel 2029, nel 2039, nel 2049 e così via: il cambiamento e la crescita nel nostro percorso di uomini e donne, ci aspettiamo vadano di pari passo anche ad una crescita e ad un cambiamento musicale e chitarristico.

Per creare un proprio stile personale, che possa sempre sorprendere e che non diventi statico e ripetitivo, è importante quindi mettersi costantemente in discussione:

E’ tanto che suono in questo modo, c’è qualcosa che posso cambiare?

C’è una prospettiva nuova da cui posso vedere la mia chitarra?

Dove ancora non mi sono spinto, cosa ancora non ho fatto?

Prova, una volta ogni tanto, a farti queste domande e vedrai che il tuo modo di suonare ne trarrà dei benefici enormi!

Ok, abbiamo messo tanta carne al fuoco… Ma non preoccuparti!

Prova anche solo a lavorare ad uno o due per volta di questi concetti per ottenere dei benefici a livello di stile e crescita con la chitarra!

Che ne pensi? Come hai sviluppato il tuo stile? Raccontaci la tua esperienza… Ci interessa!

5 comments

  • Avatar Lucagil /

    Essendo un principiante non posso esprimermi sul mio stile, ma condivido a pieno gli otto punti riportati. Serve moltissimo ascoltare tanta musica, buna e diversa, come suonare anche altri strumenti.
    Quando sarò in grado di suonicchiare qualcosa potrò esprimere un giudizio piì approfondito.

  • Avatar Alessio /

    Credo che da Jimi Hendrix oggi non si sia inventato più nulla aveva creato tutto lui senza tutta la tecnologia , gli effetti che oggi troviamo . Sul palco aveva validi amplificatori e due tre effetti è creava suoni e sound che oggi solo che con portaerei di effetti sul palco o addirittura hanno l’omino alla console che gli cambia effetti volume ecc. Si si oggi ci sono o c’erano grandi chitarristi ma quanti hanno creato o suonato dal vivo veramente (pochi) Gary Moore

  • Grazie del tuo contributo, ottima riflessione!

  • ellissimo articolo, un grazie da archglob.com

Lascia un commento

Your email address will not be published.

top