Giro di accordi in blues

Il blues (il mio stile preferito) ha origine dai canti degli schiavi afroamericani che lavoravano nelle piantagioni americane, e presenta ancora oggi caratteristiche riconducibili a stili musicali dell'Africa occidentale. A mio parere se vuoi diventare un buon chitarrista devi assolutamente conoscere questo stile musicale. Innanzitutto, vediamo in cosa consiste un giro blues. Il giro blues è la sequenza di accordi che compone un brano, ripetendosi senza variazioni sino alla fine di esso. Comunemente un giro blues standard è formato da 12 battute (meno comuni sono i giri di 4, 8 o 16 battute). La caratteristica fondamentale del blues è comunque quella di usare esclusivamente accordi di settima di dominante (es. SOL7). Nella armonizzazione della scala maggiore, accordi di questo tipo, maggiori con la settima minore, possono essere costruiti solo sul quinto grado. Poiché il blues proviene da forme musicali parallele a quelle occidentali, esso non segue questa regola. La sequenza di un giro blues tradizionale di 12 battute potrebbe essere questa: I / I / I / I / IV / IV / I / I / V / IV / I / V, dove i numeri romani indicano il grado della scala. Per esempio, inseriamo il tutto all'interno della tonalità di Do maggiore.

/0 comments

Ear training, come allenare l’orecchio in modo efficace

L’Ear Training, ovvero l’allenamento dell’orecchio, è un aspetto fondamentale nella formazione musicale di ogni chitarrista che si rispetti, ma troppe volte tralasciato dagli studenti che si concentrano solamente su altri aspetti. Esso consente si sviluppare il tuo senso musicale, permettendoti di saper riprodurre armonie o melodie “ad orecchio”, e ti aiuta nell’improvvisazione consapevole, allargando i tuoi orizzonti musicali. L’esercizio piu’ utile per esercitarti con l'ear training è sicuramente quello di cantare. Non è necessario avere una bella voce o essere dei cantanti professionisti: quello che dobbiamo imparare è ad essere intonati. So che può sembrare inutile per un chitarrista, ma saper riprodurre melodie con la voce anche solo leggendo uno spartito da dei frutti miracolosi. Oltre a comprare un buon libro di solfeggi cantati, ecco qualche esercizio piu’ vicino alla tua sensibilità chitarristica:

  • Improvvisate una breve frase di tre o quattro note, poi provate a cantarla. Ripeto: non è necessario avere una buona voce, ma bisogna lavorare affinché la nostra intonazione sia perfetta.

    /0 comments

Conosci bene le traidi?

Oggi trattiamo uno degli argomenti fondamentali per lo studio della chitarra: le triadi. Esse sono accordi costituiti da tre note, e sono alla base della costruzione di accordi piu’ complessi. Prendiamo come esempio la triade di Do maggiore: essa è costituita dalle note DO, MI e SOL, ovvero dal I grado, dal III e dal V della corrispondente scala maggiore di DO. Una triade può essere: MAGGIORE - quando tra il I e il III grado passa la distanza di due toni. (es. DO - MI - SOL) MINORE - quando tra il I e il III grado passa la distanza di un tono e mezzo (es. LA - DO - MI). Esercitateti provando a costruire le seguenti triadi: RE minore, MI minore, FA maggiore, SOL maggiore, LA minore. Una triade può essere eseguita suonando con la chitarra in ordine la Tonica, la Terza e la Quinta, ed in questo caso abbiamo ottenuto la triade di base. Se eseguiamo una triade nell’ordine Terza - Quinta - Tonica, otterremo il primo rivolto di una triade: al basso troviamo infatti la Terza e non la Tonica. Se invece la triade è eseguita nell’ordine Quinta - Terza - Tonica otterremo il secondo rivolto della triade, in quanto al basso ancora una volta non abbiamo la Tonica ma la Quinta. Oltre alle triadi Maggiori e Minori si possono trovare triadi aumentate o diminuite. Una triade aumentata è una triade maggiore con la quinta aumentata (appunto) di un semitono. Per esempio, presa la triade maggiore di Do (Do Mi Sol) la triade aumentata sarà formata dalle note DO MI SOL#.

/0 comments

Impara a suonare la chitarra con la pennata alternata

Generalmente si insegna ai principianti a suonare le corde con un movimento del plettro verso il basso. Questo modo di fare la pennata va benissimo per una persona che suona la chitarra da poco tempo, ma poi con il tempo ci sarà la necessita di aumentare la velocità e la fluidità. Uno dei modi per farlo e' di utilizzare una tecnica molto conosciuta e utilizzata da moltissimi chitarristi, sto parlando della PENNATA ALTERNATA. Questa tecnica consiste nell'alternare (da cui prende il nome di pennata alternata) la plettrata verso il basso con la plettrata verso l’alto. In poche parole sfrutti la pennata all’insù durante il ritorno della normale pennata. Questo tipo di pennata permette di aumentare drasticamente la velocità di parecchi bpm (battiti per minuto). Se Sei bravo ad utilizzare questa tecnica puoi addirittura arrivare a raddoppiare la velocità! Questo perché ti consente di annullare il tempo morto del ritorno della pennata standard senza suonare. Per prendere confidenza con la pennata alternata, inizialmente esercitati con questa tecnica rimando fermo su una sola corda.

/0 comments

Di quali accessori per chitarra acustica hai bisogno?

Accessori per chitarra

Se hai deciso di acquistare una chitarra acustica, allora ci sono alcuni accessori che dovresti seriamente valutare di avere. Non sono indispensabili, infatti puoi imparare a suonare senza avere queste cose che ti elenchero', ma vedrai ti semplificheranno di molto la vita.

Puoi decidere di acquistarli anche in un secondo momento, ma se ti rimangono due soldi ti consiglio di valutare quali scegliere tra questi accessori per chitarra acustica:

Metronomo: veramente molto importante per imparare ad andare a tempo, ne puoi trovare con 20 euro nei negozi musicali o scaricarne uno da internet gratuitamente. Imparare ad usare il metronomo e' fondamentale.

Fascia: se pensi di dover suonare per molto tempo in piedi allora avere una fascia diventa indispensabile. Non preccuparti molto su quale tipo di fascia acquistare, ti bastera' averne una, io comunque ti posso consigliare di sceglierne una imbottita. Ne puoi trovare a pertire da 5 euro per arrivare fino a 40/50 euro, ma non spendere piu' di 10/15 euro se sei agli inizi mi raccomando.

/0 comments

Impara a suonare con la chitarra acustica o elettrica?

chitarra acustica o elettrica

Una delle cose che mi vengono rischeste spesso via email e' questa: e' meglio imparare a suonare con la chitarra acustica o con la chitarra elettrica? Cosi' ho deciso di rispondere brevemente in questo articolo.

La risposta a questo quesito non e' immediata, ma dipende molto da quello che e' il tuo gusto personale e da cosa vuoi suonare. Per fare la giusta scelta pero' devi prima capire quai sono le differenze fondamentali tra le due tipologie di chitarre, come funzionano e poi fare la tua decisione.

Ti confesso, la mia prima chitarra fu una acustica, nonostante il mio stile attuale e' piu' orientato al rock ed al blues. Ricordo ancora che faticavo molto per premere le corde in metallo, erano molto dure, i tasti ed il manico erano piu' larghi pero' ai tempi non possedevo ancora una chitarra elettrica e mi sono dovuto adattare a quello che avevo disponibile.

A parte tutto quello che puoi leggere in giro, secondo la mia opinione, la scelta della tua chitarra dovrebe innanzitutto basarsi sullo stile con cui desideri suonare (se gia' lo sai). Se sei appassionato di musica rock o metal, la scelta piu' logica e' imparare sin da subito con la chitarra elettrica. Se dovessi acquistare una chitarra non adatta al tuo stile personale allora vedrai che molto probabilmente la tua motivazione calera' sempre di piu' e ti eserciterai sempre meno.

Questo vale anche se hai un figlio o un nipotino, non cercare di regalargli una chitarra che corrisponde al tuo stile, regalagliene una con cui si possa divertire e che sia adatta a quello che piace a lui musicalmente, ne vale dei suoi progressi!

Altri fattori da considerare sono:

/3 comments

Alla scoperta di Amplitube 3

Negli ultimi anni il mondo della chitarra ha visto nascere numerose nuove possibilità grazie allo sviluppo dei cosiddetti VST (Virtual Studio Technology), programmi ora capaci di simulare amplificatori ed effetti con estremo realismo. Uno dei piu’ famosi è sicuramente Amplitube, presente nella sua ultima incarnazione: AMPLITUBE 3. Amplitube 3 presenta elementi capaci di mettere subito a proprio agio noi chitarristi. Niente numeri o tabelle, solo un pavimento di legno simulato sul quale noi possiamo adagiare riproduzioni dei piu’ famosi effetti a pedale e non solo. Attraverso dei menu’ a tendina puoi muoverti tra i vari modelli proposti, che comprendono tutti gli effetti classici con interessanti aggiunte quali il reverse wha. QUARDA IL VIDEO:

/4 comments

Corso chitarra gratis: una email che mi ha fatto molto piacere

corso chitarra

Ieri verso le 14, mentre controllavo la mia mail (solitamente lo faccio a questa ora) ho trovato nella posta in arrivo un messaggio che aveva come oggetto una sola parola: "Complimenti"

All'inizio non volevo leggerla perche' credevo fosse un virus o una delle solite email che ti offrono un bonus per giocare ai casino' online ;-), ma poi non ho resistito alla tentazione. Sono un tipo molto curioso...

La mail era di Alberto un ragazzo che si era iscritto al mio corso di chitarra gratuito che mi ringraziava e mi faceva i suoi complimenti.

Alberto aveva il problema di bloccarsi nel passaggio di accordi (una cosa fondamentale da imparare perche' nelle canzoni spesso si passa tra un accordo e l'altro).

Ecco cosa c' era scrito esattamente nella mail:

/5 comments

Lezioni di chitarra online adatte per principianti

Le lezioni di chitarra online stanno ormai diventando una realta' ed una valida alternativa alle classiche lezioni private con un insegnante per imparare a suonare la chitarra anche se sei un principiante. Ti basta digitare sul piu' famso motore di ricerca "corso chitarra" per trovare decine e decine di risultati. La prima cosa che puoi notare pero' e' che molti di questi risultati ti mostrano solamente una paginetta sbattuta li con 4 cose riciclate da altri siti. Mi rendo conto che per un principiante diventa una cosa molto frustrante, anche perche' ci vuole molto tempo a spulciare tra i vari risultati della ricerca, ed e' un peccato poi capire ben poco o addirittura nulla perche' le lezioni di chitarra online che trovi non sono (la maggior parte delle volte) chiare e con una sequenza logica non adatta a chi parte da zero. Un principiante ha bisogno innanzitutto di imparare a suonare i principali accordi facili. Devono essere spiegati in modo chiaro con tablaura e diteggiatura abbinata (la diteggiatura e' uno schema per farti capire con quali dita devi premere certe corde).

/0 comments
1 6 7 8 9 10
top