Come cambiare le corde di una chitarra in 10 passaggi

Ci sono argomenti che spesso, forse TROPPO SPESSO, vengono erroneamente sottovalutati, uno di questi è proprio di come cambiare le corde alla chitarra.

Noi di impararelachitarra.com, vogliamo essere al tuo fianco al 100% in questo percorso che hai deciso di intraprendere, cercando di aiutarti a superare le difficoltà che ti si possono parare davanti, parlando anche di argomenti spesso tralasciati…

Si parla tanto di scale, esercizi, consigli per diventare più tecnici e più veloci sul manico della chitarra, tutte cose giuste e importantissime, certo, ma ci sono alcune cose che potremmo definire pratiche che un chitarrista deve per forza saper fare.

Mettiamo che stai suonando durante un concerto o ti stai divertendo a suonare con gli amici… Tutto va alla perfezione, grandissimo sound, affiatamento con i componenti della band, ti diverti come un pazzo, il pubblico apprezza ma…

All’improvviso, una corda si rompe e tu non sai cosa fare!!

Sembra una cosa stupida, forse banale, ma purtroppo non tutti i chitarristi, soprattutto quelli meno esperti, sanno precisamente come cambiare una corda.

A questi livelli, ahinoi, non c’è chi sul palco cura tutte le tue chitarre e si prende cura di loro, il cosiddetto backliner, e quindi crediamo sia davvero indispensabile essere in grado di cambiare autonomamente le nostre corde.

Questa guida serve proprio a questo: in 10 semplici passi, darti la possibilità di imparare tranquillamente a cambiare le corde della tua chitarra in modo semplice e veloce.

Il metodo di montaggio delle corde vale per la chitarra acustica e la chitarra elettrica (la chitarra classica si differenzia leggermente) pertanto se sei un chitarrista acustico o elettrico, sei nel posto giusto!!

Cominiciamo!

1. RIMUOVI LE CORDE VECCHIE

Nel caso in cui non si sia rotta alcuna corda della chitarra, ma tu abbia la necessità di cambiarle perché sono diventate vecchie e si stanno ossidando, il primo passaggio da compiere è sicuramente quello di rimuovere le corde vecchie.

Ruotate ogni meccanica della paletta verso destra, fino a che ogni corda non avrà allentato la sua tensione. A questo punto, puoi sfilarla dal foro in cui era inserita.

2. RIMUOVI I PIOLI DEL PONTE

Adesso che hai le sei corde a “penzoloni”, noterai che restano attaccate al ponte grazie a dei particolari pioli, che dovrai inevitabilmente sfilare.

Qualora tu non ci riuscissi a mani nude, potrà senz’altro tornarti utile uno strumento come ad esempio il tronchesino, di quelli che trovi nella cassetta degli attrezzi, con cui dovrai afferare il piolo e tirarlo verso l’alto, senza romperlo.

Una volta effettuata questa operazione con tutte e sei le corde, la tua chitarra dovrebbe essere finalmente nuda, ovvero senza corde e pronta per il montaggio.

Nel caso della chitarra elettrica, che non presenta i pioli di cui parlavamo prima, dipenderà molto dal tipo di ponte, se fisso o mobile. Nel primo caso potrete togliere tutte le corde contemporaneamente, nel secondo invece andranno tolte una alla volta.

3. PULISCI LA CHITARRA

Quando ti ritrovi tra le mani la chitarra nuda, spogliata della sue corde, è sicuramente un ottimo momento per pulirla.

Passaci sopra un panno, possibilmente in pelle di daino o di camoscio con un prodotto specifico per lucidarla, acquistato in un negozio di strumenti musicali.

Non usare mai i comuni prodotti per i mobili o per pulire i vetri, poiché potrebbero danneggiare il legno della chitarra. Puliscila a fondo, anche dietro ed intorno al manico, cercando di rimuovere la polvere che senz’altro si sarà accumulata.

4. SCELTA DELLA CORDA

Nella confezione di corde che hai appena comprato, ci sono ovviamente tutte e sei le corde che ti servono.

Sono ognuna in un sacchettino diverso, che ha appunto scritto sopra il nome della corda corrispondente. Ogni corda di solito ha un piccolo rotolino nella sua estremità finale, di colore diverso per ognuna, che aiuta nella differenziazione.

Scegli liberamente da quale corda iniziare il montaggio, non c’è un ordine preciso, ma è sicuramente consigliabile cominciare dal Mi alto o dal Mi basso, per poi procedere con quella successiva.

5. PRIMA FASE: L’INSERIMENTO

Inserisci l’estremità finale con il “rotolino colorato” della corda nel buco precedentemente occupato dal piolo.

A questo punto, tenendo tesa la corda il più possibile, infila il piolo cercando di fare in modo che l’estremità della corda si inserisca all’interno della scanalatura del piolo stesso.

Ora puoi spingere il piolo giù, fino in fondo, assincerandoti che la corda sia correttamente fissata. Ripeti questo procedimento con tutte le corde.

6. SECONDA FASE: L’INSERIMENTO NEL FORO DELLA PALETTA

Facendo moltissima attenzione agli occhi, essendo la corda molto appuntita, inseriscila nel piccolo forellino che c’è vicino alla chiave corrispondente alla corda che stai utilizzando.

Assicurati che sia la chiave giusta e non quella di un’altra corda!!

Una volta infilata nel forellino, fai un giro con la corda intorno alla chiave. Qualora le chiavi si trovassero ai lati opposti della testa, la corda andrà passata all’interno, in mezzo alle due file di chiavi e verso l’esterno.

Ripeti questo procedimento con tutte le corde.

7. TERZA FASE: L’AVVOLGIMENTO

Tenendo premuta verso il basso con un dito la corda avvolta intorno al foro della chiave, comincia a girare la chiave stessa verso sinistra per avvolgere la corda intorno alla chiave.

Controlla che ogni spira della corda si avvolga sotto la precedente, per fare in modo che l’avvolgimento avvenga in modo omogeneo.

Ripeti questo procedimento con tutte le corde.

8. L’ACCORDATURA

Una volta che l’avvolgimento è avvenuto, con l’aiuto di un accordatore, fai modo di intonare il suono in base alla corda che stai montando.

Poiché inizialmente tenderà a scordarsi molto facilmente, ti consigliamo di accordarla con una nota leggermente più alta, per fare in modo che si stabilizzi meglio. Non per forza un semitono sopra, basta che l’indicatore dell’accordatore, quando raggiungi la nota giusta, si muova leggermente verso destra.

Ripeti questo procedimento con tutte le corde.

9. IL TIRAGGIO DELLE CORDE

Una volta montate le corde e raggiunta all’incirca la giusta intonazione, un piccolo consiglio: prendete ciascuna corda all’altezza della buca e tiratela verso l’esterno con discreta forza.

Non è una cosa strettamente necessaria, ma noi abbiamo notato che questo piccolo accorgimento ha fatto sì che le corde stabilizzassero la loro accordatura molto più velocemente!

10. TAGLIATE LE CORDE SPORGENTI

La paletta della vostra chitarra, si presenterà adesso come un ammasso di corde che spuntano qua e là, un po’ come dei capelli ingestibili! Queste, oltre che poco carine esteticamente, sono anche molto molto pericolose per la vista!

Pertanto vi rimane un’ultima cosa da fare: col tronchesino che avete usato precedentemente per sollevare i pioli, tagliate le parti di corda eccedenti. La vostra chitarra risulterà molto più ordinata e la vostra vista sarà salva!

Un ultimo consiglio: i primi giorni dopo il montaggio, accordate molto spesso la chitarra, anche più volte al giorno, perché le corde ci mettono un po’ a tenere stabilmente l’accordatura.

Un po’ di pazienza e non avrete più bisogno, o meglio… Non così spesso!!

Speriamo che questa guida possa esserti stata utile e torna presto a trovarci qui su impararelachitarra.com!!

Buona musica!!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

top