Le tecniche chitarristiche piu’ utilizzate: le conosci proprio tutte?

Da quando siamo nati, abbiamo cercato di occuparci di qualsiasi aspetto riguardasse l’universo chitarristico: accordi, canzoni, accessori, consigli tecnici, pratici, corsi di chitarra… Oggi invece parliamo di tecniche chitarristiche, per aggiungere stile al suono!

Vedremo quelle che sono tra le più comuni tecniche chitarristiche, sia per chitarra acustica che per chitarra elettrica! Poi nei prossimi articoli e tutorial di questo blog analizzeremo nel dettaglio ognuna di queste tecniche.

Divideremo il tema in due parti, così che chi è interessato in particolar modo ad una delle tue tipologie di strumento, possa facilmente trovare tutto ciò di cui ha bisogno alla svelta!

TECNICHE PER LA CHITARRA ELETTRICA

Se ormai sei un chitarrista esperto e suoni da tanto tempo, sicuramente avrai sentito parlare mille volte di queste tecniche. Al contrario, se ti stai avvicinando al mondo della chitarra elettrica e sei curioso e desideroso di saperne di più, ti si sta per spalancare davanti un mondo assolutamente nuovo e sterminato. Le tecniche per chitarra elettrica sono varie e, ovviamente, di diversa difficoltà, a seconda del tuo livello!

Eccone alcune:

BENDING

Il bending è, senza ombra di dubbio, una delle tecniche più usate e più diffuse nel mondo della chitarra elettrica. In realtà, probabilmente, è anche una delle prime che vengono insegnate!

Il termine inglese significa letteralmente “curvatura”, ed è proprio questo che facciamo con le nostre dita in questa tecnica: la corda viene “trascinata” verso l’alto, o verso il basso, alterando l’altezza della nota suonata.

In poche parole, con il bending si parte suonando una nota e si arriva a suonarne una più alta (o più bassa) di circa 2 o 3 semitoni! La corda viene spinta da da due o tre dita contemporaneamente, proprio a cercare di creare questo efficacissimo effetto!

VIBRATO

Con il vibrato, una nota viene periodicamente alterata, sfruttando un po’ lo stesso principio che abbiamo visto precedentemente nel bending.

Consiste, essenzialmente, nel suonare una nota “sostenendola”, un po’ come fanno i cantanti utilizzando il diaframma: non avendo, ovviamente, il diaframma all’interno delle dita, il chitarrista dovrà quindi riuscire a dare un’onda alla nota, grazie anche ad un leggero movimento della mano.

GLISSATO

Un’altra tecnica spesso usata sulla chitarra elettrica è quella del glissato. Consiste nel passare da una nota all’altra, facendo scivolare il dito della mano sinistra sulla tastiera, senza staccarlo dalla corda e senza suonare con la mano destra, ottenendo quindi un suono che modifica la sua altezza in modo progressivo.

Un altro modo di ottenere questo effetto, se la tua chitarra lo permette, è utilizzare la leva del vibrato.

PALM MUTING

In inglese è noto con il termine “palm mute”, anche se in realtà è solamente una variante di quello che in Italia è comunemente noto come “stoppato”.

Il “palm muting” è una tecnica che prevede il blocco della vibrazione delle corde, con il palmo della mano destra. Spesso viene utilizzato in sostituzione delle pause, per lasciare un vuoto meno “evidente”.

HAMMER ON

E’ una delle tecniche per chitarra elettrica più note: è una tecnica che permette di passare da una nota più bassa ad una più alta facendo uso solamente della mano sinistra, senza utilizzare quindi la mano destra, ma utilizzando appunto il dito della mano sinistra per premere sulla nota corrispondente.

PULL-OFF

Si tratta, molto semplicemente, della tecnica opposta all’hammer on. In questo caso, a differenza del caso precedente in cui si passava da una nota più bassa ad una più alta, si passa al procedimento opposto, in cui da un suono più acuto ci si sposta invece ad uno più grave, strappando o tirando la corda verso il basso.

Anche in questo caso, si fa solamente uso della mano sinistra, dimenticandosi quasi di possedere la destra: suonando la prima nota, teniamo già pronta con il dito indice la nota successiva più bassa, e “strappiamo” la corda attraverso la tecnica precedentemente vista.

SWEEP-PICKING

Anche questa tecnica, che è si è diffusa a partire dagli anni ’80, è diventata molto usata ai giorni nostri, viene usata per arpeggi o fraseggi con il plettro, che però non sono seguono una linearità precisa.

E’ utilizzata soprattutto dai cosidetti “chitarristi virtuosi”, quelli cioè che hanno necessità e desiderio di essere estremamente veloci sul manico della chitarra.

Permette, infatti, di suonare tantissime note in pochissimo tempo: tenendo contemporaneamente tutte le dita della mano sinistra sulle note da suonare, in uno schema che ricorda moltissimo quello degli accordi, si preme la corda solamente quando viene suonata dalla mano destra e poi si rilascia, stoppandola, per non farla suonare insieme alle altre note.

TAPPING

Si tratta di una tecnica non proprio da “principianti”, ma leggermente più avanzata.

Consiste nel suonare delle note legate con la mano destra, direttamente sul manico della chitarra. In questo caso, la mano destra ha la stessa funzione della sinistra e viene utilizzata in un modo estremamente simile.

TECNICHE PER LA CHITARRA ACUSTICA

Anche il mondo della chitarra acustica ha le sue particolari tecniche, che differiscono quasi totalmente da quelle della chitarra elettrica, essendo due mondi musicali e due stili chitarristici abbastanza distanti.

Esattamente come per la chitarra elettrica, le tecniche sono varie e, anche in questo caso, ce ne sono di diversa difficoltà, a seconda del livello raggiunto!

ARPEGGIO

L’arpeggio è una tecnica tipica della chitarra classica, che però, spesso e volentieri, viene “traslata” anche sulla chitarra acustica.

E’ un modo particolare di eseguire un accordo musicale, non simultaneamente, ma producendone i vari suoni successivamente, uno alla volta.

Può essere effettuato sia con il plettro, sia con le dita della mano destra, che in questo caso però devono avere le unghie adatte e sufficientemente lunghe.

ARMONICO

L’armonico è un particolare tipo di suono, dal sapore un po’ “ovattato”, che si riesce a creare sulla chitarra grazie a particolari condizioni fisiche permesse dallo strumento stesso.

Si produce appoggiando un dito della mano sinistra precisamente sulla barretta che delimita il quinto, il settimo, il nono e il dodicesimo tasto della chitarra, su una qualsiasi delle sei corde.

FINGERSTYLE

E’ una tecnica davvero molto utilizzata nella chitarra acustica, anche se richiede già una certa abilità pregressa, e non è quindi molto adatta a chi si sta addentrando per la prima volta in questo mondo.

Consiste nel suonare direttamente le corde della chitarra, senza utilizzare il plettro, ma pizzicandole, utilizzando talvolta la cassa armonica dello strumento come percussione.

STILE PERCUSSIVO

Lo stile percussivo è parte integrante del fingerstyle e permette di impiegare alcune parti della chitarra per riprodurre, in scala nettamente ridotta, certi suoni della batteria.

Anche questa tecnica è inadatta per i chitarristi alle prime armi, dato che utilizza al suo interno tecniche quali il tapping, gli armonici, il fingerstyle ecc…

Consiste nel percuotere, appunto, la chitarra in determinati e specifici punti, come la cassa armonica, il manico, la paletta, unendo a questo il normale utilizzo della mano sinistra e della mano destra, che utilizzeranno anche alcune delle tecniche che abbiamo precedentemente preso in esame.

STRUMMING

Lo strumming è una tecnica tipica della chitarra acustica, che utilizza la percussione simultanea delle corde con le dita della mano destra o con il plettro, mentre la mano sinistra suona gli accordi. Si utilizza moltissimo nella cosiddetta “chitarra d’accompagnamento”, ovvero l’utilizzo della chitarra nelle canzoni, spesso accompagnate dalla voce.

TAPPING

E’ uno stile che accomuna la chitarra elettrica e la chitarra acustica, e funziona con le stesse dinamiche che abbiamo visto precedentemente per la chitarra elettrica.

Giunto alla fine di questo articolo, avrai sicuramente una panoramica più chiara e definita delle tecniche più comuni con cui vengono solitamente suonate la chitarra acustica e la chitarra elettrica.

Nei prossimi articoli, proveremo ad entrare maggiormente nello specifico di ciascuna tecnica, cercando di sviscerarle in modo più approfondito e completo!

Continua a seguirci quindi su impararelachitarra.com perchè nei prossimi articoli approfondiremo ognuna di queste tecniche per chitarra!

E come sempre… Buon divertimento!!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

top