10 errori che ho visto TROPPO spesso tra i chitarristi principainti

Premetto una cosa: imparare a suonare la chitarra, ma più generalmente un qualsiasi strumento musicale, è un percorso lungo ed a volte difficile, che richiede tempo, dedizione, passione e tanta tanta pazienza!

Se hai cominciato da poco, magari come autodidatta, senza l’aiuto di nessuno, è molto probabile che tu possa commettere diversi errori, che spaziano dalla scelta dello strumento, all’impostazione, fino ad arrivare alla scelta delle canzoni da suonare.

In questo articolo, voglio elencarti i 10 errori che spesso vedo fare da chi si approccia alla chitarra, analizzandoli e consigliandoti eventuali soluzioni o rimedi.

Cominciamo!

SCELTA ERRATA DELLA CHITARRA

In soffitta hai una vecchia chitarra classica ma la tua anima è rock o metal? Fai attenzione! Le chitarre più diffuse sono quelle acustiche, elettriche o classiche. Non si può suonare un repertorio classico con una chitarra elettrica e viceversa, così come è impensabile utilizzare una chitarra acustica in un assolo metal.

Di conseguenza, è importantissimo avere ben chiaro in testa quale genere musicale vuoi affrontare e quindi quale tipologia di strumento utilizzare.

TUTTO E SUBITO

Avere fretta di imparare è sicuramente un altro errore da non commettere. Come scritto nell’introduzione a questo articolo, per arrivare a suonare davvero bene la chitarra, o un qualsiasi altro strumento, avrai un percorso lungo da compiere, mettiti il cuore in pace;)

La fretta è  una cattiva compagna di viaggio, che non ti aiuterà di certo a diventare un buon musicista. Prenditi il tuo tempo, insisti sui passaggi difficili fino a che non sei soddisfatto e, soprattutto, non pensare assolutamente di potere avere tutto e subito!

SBAGLIARE IMPOSTAZIONE

Occhio all’impostazione! Ogni tipologia di chitarra si suona con una diversa impostazione.

Qualora, ad esempio, tu abbia intenzione di avvicinarti al mondo della chitarra classica, avrai sicuramente bisogno, oltre che del giusto strumento, anche di un poggia piede, per avere così una gamba più alta rispetto all’altra e suonare con il manico rialzato, cercando di tenere il pollice della mano sinistra circa a metà manico stesso.

La chitarra classica, inoltre, si suona pizzicando le corde con le dita, a differenza di quella elettrica ed acustica che si servono più spesso di un plettro.

SUONARE NON ACCORDATO

Attento a non suonare con la chitarra scordata! Se non sei sicuro dell’affidabilità del tuo orecchio musicale, non c’è nessun problema: dotati di un accordatore, per essere certo di poter suonare sempre con la chitarra accordata, un punto spesso sottovalutato, ma davvero fondamentale per partire col piede giusto quando prendi in mano la chitarra.

NON ANDARE A TEMPO

Molti musicisti autodidatti, con poca o nulla esperienza a livello di musica d’insieme, non sono assolutamente in grado di seguire il tempo di una canzone e quindi, come si dice in gergo musicale, di “andare a tempo”.

Per ovviare a questa cosa, basta dotarsi di un accessorio chiamato Metronomo e, puntandolo sul tempo del brano, andare dietro ai suoi click. Di certo questo è uno degli esercizi più difficili, ma a lungo termine scoprirai che avrà davvero un’utilità fondamentale nella tua formazione di musicista.

In questo video che ho girato diverso tempo fà spiego come utilizzare il metronomo:

In alternativa, oltre naturalmente al suonare in un’orchestra o in una band  (che sappiano andare a tempo!), potrai allenarti provando a seguire le basi musicali delle canzoni che ti piacciono, suonandoci sopra.

CANZONI TROPPO DIFFICILI

Essendo all’inizio, e non riuscendo quindi ad identificare al volo i livelli di difficoltà di un brano, capita di incaponirsi su di una canzone che magari ci piace tantissimo, ma che per ragioni tecniche non siamo assolutamente in grado di eseguire.

In questo caso, è inutile provarla e riproarla: andando per gradi, riuscirai sicuramente ad impararla molto più facilmente e rapidamente tra qualche tempo.

TRALASCIARE I FONDAMENTALI

Per la fretta di cui parlavamo sopra, moltissimi tendono ad imparare velocemente qualche assolo e qualche canzone con accordi un po’ a caso, tralasciando invece la cosa più importante, ovvero la tecnica di base.

Come in tutte le cose nuove da imparare, anche nella chitarra, avere buone basi e buoni fondamentali è assolutamente indispensabile. Quando non ci si cura dei fondamenti, si arriva ad un punto che sicuramente porta istantanea soddisfazione, ma oltre al quale è molto difficile poi fare nuovi progressi.

Pertanto, anche se ti richiederà più tempo, non tralasciare i fondamentali!

Ecco un metodo per chitarra per costruire solide fondamenta musicali.

CHITARRA TROPPO COSTOSA

Se hai cominciato a suonare da poco, dovrai anche dotarti di una chitarra adatta a quelle che sono le tue attuali capacità. Capita spesso che chi si trova da solo, senza una guida, in un negozio musicale per acquistare la sua prima chitarra, finisca col comprare uno strumento di qualità troppo elevata, di cui non è ancora in grado di cogliere bellezze e sfumature.

Pertanto, nel momento in cui decidi che è arrivato il momento di fare il grande passo, chiedi consiglio a chi è più esperto di te, onde evitare spese inutili.

PUNTARE SOLO ALLA VELOCITA’

Questo errore è davvero frequentissimo in chi si approccia alla chitarra, soprattutto quella elettrica. Non mirate solo alla velocità degli assoli, al cercare di fare più note possibili. La musica è ben altro. Certo, la tecnica e la velocità hanno una loro importanza, ma solo se dosate ed inserite nel momento e nel contesto adatto.

Fare mille note al secondo non vi renderà chitarristi migliori, affinare il gusto, la sensibilità e l’arte di fare la cosa giusta al momento giusto farà invece di voi sicuramente ottimi musicisti.

ARRENDERSI

E qui mi ricollego ancora al discorso con cui questo articolo è cominciato. Imparare a suonare richiede tanta dedizione ma soprattutto tantissima pazienza.

Inizialmente le cose non saranno facili, vi scontrerete con ostacoli all’apparenza insormontabili, ma perseverando e continuando ad insistere, vi accorgerete di imparare giorno dopo giorno qualcosa di nuovo, che nel corso degli anni vi permetterà di raggiungere livelli importanti.

Incomincia un lungo viaggio, ma le tre parole da tenere a mente sono passione, costanza e pazienza.

Da adesso in poi, sarai pronto ad affrontare il tuo percorso musicale con più consapevolezza e professionalità!

Spero che questo articolo ti sia stato utile, torna a trovarci presto…

Alla prossima;)

One comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

top