Scegliere l’amplificatore per chitarra elettrica

Scegliere l’ amplificatore per chitarra elettrica adatto alle nostre esigenze è difficile tanto quanto scegliere una chitarra, se non di piu’. La scelta si complica ancora di piu’ in quanto ce ne sono una enorme quantita’ di modelli presenti sul mercato, alcuni con caratteristiche molto simili ed alcuni totalmente diversi.

Molto spesso si spende tutto il budget disponibile per acquistare le chitarra, i cavi, gli accessori e gli effetti, trascurando questo elemento fondamentale che da carattere al nostro sound.

Budget, potenza, sonorità, modello combo, rack, stack… Sono molti i fattori da considerare al momento dell’acquisto.

Il primo passo è sicuramente quello di fissare un budget: 100-200 euro per la fascia economica (se sei agli inizi), 500 euro per il nostro primo amplificatore da portare nei locali, fino alle migliaia di euro richieste per ampli professionali. Quindi quanto possiamo spendere per il nostro amplificatore per chitarra elettrica?

Legato al budget, ma soprattutto alle sonorità cui puntiamo e al nostro gusto personale, è la scelta tra un amplificatore a transistor e uno a valvole.

Tendenzialmente si dice che un valvolare sarà sempre superiore ad un transistor, spesso considerato il fratello minore per qualità e budget. Che sia vero o no, è impossibile negare che, oggi, i transistor occupino una grande, se non la piu’ grande, fetta di mercato degli amplificatori, e che modelli di alta qualità siano proposti praticamente da tutte le grandi marche.

Si potrebbero scrivere pagine sulle differenze fisiche alla base dei due modelli, ma voi fidatevi del vostro orecchio, e chiedetevi: cosa mi piace di piu’? Provate ad esempio a pensare all’attrezzatura dei chitarristi che ascoltate…

Considerate, però, che un modello valvolare costa di piu’, a parità di fascia, e necessita di manutenzione e maggiori attenzioni. Se è il brivido delle valvole quello che cercate, state però certi che un transistor non vi accontenterà.

Un discorso a parte merita la questione della potenza dell’ampli. Ancora una volta, tutto dipende dalle vostre esigenze. Non faccimo l’errore di prendere un oggetto solo per il numero di watt! Spesso se cercate un modello da studio, da tenere in casa, 10-15 watt per un transistor e 5 watt per un valvolare sono veramente piu’ che sufficienti. Con l’aumentare delle vostre esigenze, se vorrete portarlo in sala prove o suonarci in piccoli locali, andranno bene anche 40-50 watt nel caso di un transistor, considerando che in locali piu’ grandi sarà sempre possibile microfonarlo.

Riguardo la marca e il modello vero e proprio, dovrete avere le idee chiare, se non sul sound che desiderate, quantomeno sul genere che volete suonare.

La Vox produce ottimi amplificatori entry- level, ad esempio il modello DA5 ottimo per rapporto qualita’ prezzo e praticita’. Se suonate rock classico e avete un budget poco piu’ permissivo potete orientarvi su un Fender Twin. Se, invece, preferite il suono di un Marshall, ne potrete trovare di buoni a prezzi non troppo alti.

6 comments

  • Giorgio /

    Ciao manuel,
    sono un “allievo” di freschissima data! Volevo innanzitutto farti i complimenti per il sito, dopo averne girati molti devo riconoscere che hai saputo come pochi evidenziare i punti importanti e davvero utili a dei musicisti-novelli, e hai tralasciato le chiacchere in cui molti si perdono confondendoci le idee 🙂

    Detto questo, sono alla ricerca di un consiglio, e perdonami se non è l’intervento giusto dove commentare, ma il link a “mail” non sembra funzionare.
    Praticamente una settimana fa ho avuto la pazza idea di iniziare a suonare la chitarra-18anni da poco:)-e ha fatto al caso mio una mia amica che mi ha portato una chitarra classica Eko che lei non usava mai, con le corde nuove.
    Ecco, io mi riconosco particolarmente nel thrash metal, dagli Slayer ai Megadeth, dai vecchi Metallica ai Pantera. Mi stavo quindi chiedendo se è opportuno iniziare con la classica, o se sono troppo lontano dalla chitarra elettrica; ho visto in un tuo vecchio intervento che per iniziare consigli o l’acustica o addirittura subito l’elettrica, e la classica non era neanche contemplata.
    Che dici? Per allenare dita e postura può andare bene la classica o sono proprio fuori luogo? In tal caso prenderei subito un’elettrica e un amplificatore economico, direi 🙂

    Grazie di tutto, spero di fare del mio meglio con il tuo corso!
    Bona!

  • Caro Manuel , quanta roba ci sarebbe da dire sugli ampli e su come anche il modello di valvola incida sul sound. Come ben sai rimango affezionato al mio Classic 30, però ultimamente mi trovo intrigato dal LINE6 …. La domanda: che ne pensi hai provato qualche modello di emulazione?
    ( PS a quando una Jam io e te nella cantina Blues, Maestro ,-)..
    Se mi posso permettere vorrei dare un consiglio a Giorgio, ovviamente il attesa del ben più competente parere del Maestro Manuel: Caro Giorgio, se sei a Zero, a mio avviso , puoi imparare anche da una classica ( io stesso iniziai da una EKO classica ) ma il punto temo sia un altro: imparare e passare ore sulla chitarra è talvolta faticoso e noioso… per questo è importante non frenare la tua passione ma alimentarla. Se la tua passione è il Trash Metal, studiare su una chitarra ( elettrica ) che ti richiami le sonorità a te care, ti sarà di aiuto a vincere le iniziali difficoltà e provare qualche brivido. Ovvio, spendi comunque il meno possibile. Che ne dici Manuel, sei d’accordo? Un abbraccio a tutti.
    La Mangusta

  • impararelachitarra impararelachitarra /

    Grandissimo Nani la Mangusta!! Come va?

    Il tuo consiglio per giorgio e’ ottimo….

    Ti aspetto in cantina 🙂

  • Giorgio /

    Ciao ragazzi, grazie della risposta!
    Sarei ben contento di avere sulle ginocchia già un’elettrica, il fatto è che mi trovo di fronte ad un mondo sconfinato che non conosco, e non so come muovermi… quindi mi rivolgo nuovamente a voi 🙂
    C’ è chi mi dice di comprare un pack tutto incluso di una buona marca, tipo dell’ ibanez: anche se i pack notoriamente sono di basso livello, la buona marca dovrebbe “compensare”…
    Altrimenti, se trovassi il modo di procurarmi la prima chitarra di qualche amico che è già più in là con gli studi, che amplificatore devo prendere? Di qualità di base anche quello o posso fare un investimento per il futuro? Voglio dire, ogni volta che salgo di livello con la chitarra dovrei cambiare amplificatore o se ne tengo uno medio-buono per suonare IN CASA può restare quello per un po’? Il vox DA5 citato nell’articolo sembra un prezzo sostenibile per iniziare… 🙂
    grazie ancora

  • impararelachitarra impararelachitarra /

    Ciao Giorgio,

    anche io ti consiglio i pack tutto incluso… Per me e’ meglio partire spendendo poco.

    Poi nel frattempo provando diversi amplificatori e chitarre ti renderai conto quale combinazione offre un sound adatto al tuo stile.

    In quel momento potrai fare l’investimento che punta al medio lungo termine, ma per ora credo che vada benissimo un pack per iniziare.

  • Giorgio /

    Bella mister! Ti aggiorno su come sono andate le compere natalizie visto che ti avevo accennato qualcosa… aiutato da un amico che di chitarre se ne intende ho rinunciato agli starter pack un po’ giocattolo, e, dopo che l’amico ha provato un po’ di chitarre al negozio abbiamo optato per una Saturn Music(sottomarca della Fender se non erro) in puro stile stratocaster e un amplificatore della Kustom Dart 10 Fx da 10 watt con il suo bell’effettino delay oltre che al classico pulito/distorto…
    La cosa bella? Il tutto a 220€, poco più di uno starter pack ma a quanto pare su tutt’altri livelli.
    Non vedo l’ora di suonarla per bene 🙂
    Detto questo, ho anche acquistato e scaricato il mitico corso “imparare la chitarra”… sono dell’idea di prendere lezioni private e ho già fatto un po’ di colloqui, ma consiglio a tutti questo corso che rimane sempre una base a cui guardare per ripassare, o per confrontarsi con altri metodi di spiegazione… e francamente, al prezzo di un paio di lezioni è davvero regalato 🙂

    Quindi grazie mister, spero di poterti fare ascoltare una registrazione fra un po’ 😛
    intanto continuo a seguirti,e a suonare… Buon anno!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

top